©2017 Prex Eucharistica.Org | Tutti i diritti riservati | Cookies
    Cerca
"

"MAGNUM PRINCIPIUM"
E L'INCULTURAZIONE LITURGICA NEL SOLCO DEL CONCILIO

(C. Giraudo, in CivCat 2017 IV 311-324 | 4018)

1. Dio e l'assemblea, ovvero la sorpresa di parlare la stessa lingua
2. "Liturgiam authenticam": tra pregi e limiti
3. La ridistribuzione delle competenze tra centro e periferia
4. Ulteriore intervento interpretativo e successiva autorevole risposta
5. La continuità della riforma liturgica nel solco tracciato dal Concilio

SOMMARIO – Con il motuproprio Magnum principium Papa Francesco, preoccupato di ridefinire i rapporti tra la Sede Apostolica e le Conferenze episcopali in una materia particolarmente delicata e sentita, ha restituito a queste «il diritto e il compito» (ius et munus) sulla traduzione dei libri liturgici. Per fare ciò ha dovuto riallineare il canone 838 del codice, e altri documenti complementari, con la normativa conciliare. A beneficiare del provvedimento sulle traduzioni sarà sicuramente l’inculturazione liturgica, destinata ad apportare linfa sempre nuova al patrimonio della Chiesa in preghiera. L’Autore è docente emerito di Liturgia e di Teologia nell’Istituto Orientale di Roma, e membro ordinario della Pontificia Accademia di Teologia.

 

IL SACRO. Congresso inter-facoltà Sant'Anselmo (9-10 ottobre 2017)

Cesare Giraudo
Sacro & Sacrificio: categorie obsolete o costanti teo-antropologiche? Approccio liturgico a partire dalla Religione Tradizionale Africana

 

 

In occasione del Centenario del “Pontificio Istituto Orientale” (1917-2017), seguendo l’esempio dello scriba del Vangelo che «estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche (nova et vetera)» (Mt 13,52), si è deciso di mettere a disposizione degli Studiosi in versione elettronica (Ebook) alcune opere storiche della produzione scientifica del P.I.O. Inaugurano la Collana digitale i sette fascicoli di “Anaphorae Syriacae”.

Per agevolare la lettura sinottica del testo siriaco e della traduzione latina è necessario, per chi si avvale del tablet, utilizzare/bloccare il supporto nella posizione orizzontale.

Nell'elaborazione a colori delle singole pagine si è voluto mantenere di proposito il tratto “anticato” di una pubblicazione iniziata nel 1939. I sette fascicoli originari sono tutti contrassegnati da una grande acribia nella cura del testo siriaco e dell’intero apparato critico, cui però si accompagna una notevole debolezza di impaginazione, in quanto – a causa della piegatura dei quaterni effettuata a mano – le pagine sono spesso non allineate. A questo limite si è cercato, nella presente edizione digitale, di rimediare nella misura del possibile.

Cesare Giraudo sj Curatore dell’edizione digitale di “Anaphorae Syriacae”

 

VOLUMEN I - FASCICULUS 1 (1939)

Introductio: 1) De Anaphora Syriaca; 2) Nomina Auctorum; 3) Codices et Tabula Anaphorarum; 4) Editiones; 5) Versiones; 6) De normis edendi (ALPHONSUS RAES)

1) Anaphora Syriaca Timothei Alexandrini, quam edidit et vertit Adolphus Rücker
2) Anaphora Syriaca Severi Antiocheni, quam edidit et vertit Humphridus Gulielmus Codrington

https://www.amazon.com/ANAPHORAE-SYRIACAE-VOLU…/…/B01IKMBOCW

VOLUMEN I - FASCICULUS 2 (1940)

3) Anaphora Syriaca Gregorii Nazianzeni, quam edidit et vertit Irenaeus Hausherr
4) Anaphora Syriaca Ioannis Chrysostomi, quam edidit et vertit Humphridus Gulielmus Codrington
5) Anaphora Syriaca Duodecim Apostolorum Prima, quam edidit et vertit Alphonsus Raes
6) Anaphora Syriaca Duodecim Apostolorum Secunda, quam edidit et vertit Alphonsus Raes

https://www.amazon.com/ANAPHORAE-SYRIACAE-VOLU…/…/B01N52TZR7

VOLUMEN I - FASCICULUS 3 (1944)

7) Anaphora Syriaca Dioscori Alexandrini Prima, quam edidit et vertit Gulielmus de Vries
8) Anaphora Syriaca Dioscori Alexandrini Secunda, quam edidit et vertit Gulielmus de Vries
9) Anaphora Syriaca Cyrilli Hierosolymitani vel Alexandrini, quam edidit et vertit Alphonsus Raes
Indices Voluminis Primi, id est Fasciculorum Primi, Secundi et Tertii


https://www.amazon.com/ANAPHORAE-SYRIACAE-VOLU…/…/B071WFSWG9

VOLUMEN II - FASCICULUS 1 (1951)

10) Anaphora Syriaca Iacobi Sarugensis Prima, quam edidit et vertit Humphridus Gulielmus Codrington
11) Anaphora Syriaca Iacobi Sarugensis Secunda, quam edidit et vertit Humphridus Gulielmus Codrington
12) Anaphora Syriaca Iacobi Sarugensis Tertia, quam edidit et vertit Humphridus Gulielmus Codrington
13) Anaphora Syriaca Ioannis Sabae, quam edidit et vertit Alphonsus Raes


https://www.amazon.com/ANAPHORAE-SYRIACAE-VOLU…/…/B072Q7ZB17

VOLUMEN II - FASCICULUS 2 (1953)

14) Anaphora Syriaca Sancti Iacobi Fratris Domini, quam edidit et vertit Odilo Heiming
15) Anaphora Syriaca Minor Sancti Iacobi Fratris Domini, quam edidit et vertit Alphonsus Raes
16) Anaphora Syriaca Gregorii Ioannis, quam edidit et vertit Alphonsus Raes


https://www.amazon.com/ANAPHORAE-SYRIACAE-VOLU…/…/B071JHP1JT

VOLUMEN II - FASCICULUS 3 (1973)

17) Anaphora Syriaca Caelestini Romani, quam edidit et vertit Humphridus Gulielmus Codrington
18) Anaphora Syriaca Sancti Petri Apostoli Tertia (seu Sarrar), quam edidit et vertit Josephus Maria Sauget
19) Anaphora Syriaca Sancti Thomae Apostoli, quam edidit et vertit Alphonsus Raes


https://www.amazon.com/ANAPHORAE-SYRIACAE-VOLU…/…/B072JQ3QQC

VOLUMEN III - FASCICULUS 1 (1981)

20) Anaphora Syriaca Ioannis Bostrensis, quam edidit et vertit Humphridus Gulielmus Codrington
21) Anaphora Syriaca Iacobi Edesseni, quam edidit et vertit Alphonsus Raes
22) Anaphora Syriaca Iulii Papae, quam edidit et vertit Alphonsus Raes


https://www.amazon.com/ANAPHORAE-SYRIACAE-VOLU…/…/B071JHPRH8

 

********************

ORDO ANNI ACADEMICI 2017–2018

  1. Storia & Organico del Pontificio Istituto Orientale
  2. Norme del Pontificio Istituto Orientale (Sinossi: Italiano/English)
  3. Facoltà di Scienze Ecclesiastiche Orientali
  4. Facoltà di Diritto Canonico Orientale
  5. Calendario, Indirizzi & Indice dei Docenti
  6. Appendice: Documenti fondativi (quest'anno: English)

PIO o PIOS ? — La titolatura iniziale Pontificium Institutum Orientale diventa, a partire dagli Acta del 1928, Pontificium Institutum Orientalium Studiorum. Questo nuova dizione, che peraltro già figura nell’iscrizione marmorea del 1925 all’ingresso dell’Istituto, compare spesso sui frontespizi delle pubblicazioni. Si è trattato di un cambiamento “programmatico”, inteso a sottolineare una missione eminentemente accademica che, procedendo dallo studio delle fonti, era destinata ad alimentare la pastorale delle Chiese orientali. Il successivo ritorno da PIOS a PIO sarà puramente “pragmatico”, in analogia con la sigla trilittera adottata da varie istituzioni romane.

Formato PAGINA SINGOLA
FORMATO PAGINA DOPPIA
Disponibile anche in formato KINDLE su Amazon

 

********************

Gianandrea Di Donna
CANONES PŒNITENTIALES


Collana Kanonika (n. 24)

Coedizione Orientalia Christiana & Valore Italiano, 2017
ISBN 978-88-97789-38-3

- VOLUMEN PRIMUM (p. 96)
- VOLUMEN SECUNDUM T. 1 (p. 912)
- VOLUMEN SECUNDUM T. 2 (p. 336)
- VOLUMEN TERTIUM (p. 864)

Disponibile anche in formato KINDLE su Amazon

I quattro corposi volumi CANONES PŒNITENTIALES nascono dallo studio dell’eclettica tradizione liturgico-canonica della penitenza tariffata, sviluppatasi nell’Europa insulare – come anche nei territori occidentali e orientali della stessa Europa – a partire dalla metà del secolo V. Questa sorta di Lexikon della penitenza tariffata è il risultato ottenuto dalla comparazione strettamente testuale dei Libri pœnitentiales (detti in Oriente Kanonaria) latini, greci e slavi, con la quale l’Autore ha creato degli Indices (in lingua latina) che, come strumenti di consultazione, consentono di entrare in modo diretto nel mondo di questa prassi penitenziale medioevale. Il progetto degli Indices, scopo precipuo dell’Opera, si propone di far “toccare con mano” le differenze e le analogie, le soluzioni pastorali totalmente contrastanti o pressoché simili, le coerenze o le contraddizioni di cui questi canones penitenziali sono testimoni. L’Opera fornisce pertanto le basi necessarie per l’elaborazione di una teologia liturgico-canonica comparata della penitenza tariffata, senza per questo pretendere di sciogliere i nodi della complessità che emerge dallo studio di queste fonti. Offre invece una conoscenza articolata dei testi (l’obiectum primario della scientia liturgica) di questa prassi pastorale della Chiesa del primo medioevo, protrattasi – nella sua forma più pura – fino a tutto il XII secolo, punto d’arrivo dell’epoca d’oro dei Penitenziali.
Il secondo volume (primo tomo) raccoglie gli Indices basilari: l’Index Structuralis (che funge da identikit per ogni tariffario penitenziale) e l’Index Peccatorum (che è l’Index più eminente di tutto lo studio) con la descrizione di ogni peccato – declinato secondo le circostanze – e della sua relativa penitenza.

 

********************

PUBBLICAZIONI DEL CENTENARIO DEL PIO

Autore: Kevin Schembri, Oikonomia, Divorce and Remarriage in the Eastern Orthodox Tradition, Kanonika 23, Coedizione Orientalia Christiana & Valore Italiano, 2017, ISBN 978-88-97789-39-0 | pp. 328

Over the last fifty years, the Eastern Orthodox position on oikonomia, divorce and remarriage was the subject of numerous studies. This volume builds on this research and attempts to offer a comprehensive and systematic presentation of the Orthodox approach to these topics. By doing so, it contributes towards a deeper understanding and appreciation of the Eastern tradition, and presents the Western Churches with a valuable resource in their pursuit of ecumenical dialogue with the Orthodox East, in their dealing with the ever-growing reality of mixed marriages, and in their ministry to the divorced and remarried members of their faithful. It is hoped that this work will also add to the already rich tradition of the Eastern Orthodox Churches.

Kevin Schembri is a Catholic priest and lecturer in canon law at the Faculty of Theology of the University of Malta. He holds a doctorate in Canon Law with a specialisation in jurisprudence from the Pontifical Gregorian University, and a licentiate in sacred theology from the University of Malta. He also serves as promoter of justice and defender of the bond for the Archdiocese of Malta.

Paper book on Lilamé

E-BOOK Kindle on AMAZON

 

********************

PUBBLICAZIONI DEL CENTENARIO DEL PIO

Georges Ruyssen (ed.), Il diritto canonico orientale a cinquant'anni dal Concilio Vaticano II. Atti del Simposio di Roma, 23-25 Aprile 2014, Kanonika 22, Edizioni Orientalia Christiana & Valore Italiano™, 2016, ISBN 978-88-97789-42-0 | pp. 464

Acquista la VERSIONE CARTACEA su Lilamé

Acquista l'E-BOOK Kindle su AMAZON

 

********************

PUBBLICAZIONI DEL CENTENARIO DEL PIO

Vincenzo Ruggieri & Alexander Zäh, Visiting the Byzantine Wall Paintings in Turkey, Coedizione Orientalia Christiana & Valore Italiano, 2016, ISBN 978-88-97789-41-3 | pp. 288

The landscape of Byzantine painting is thus geographically located in the provinces and spans over several centuries. Despite being fragmented, this gallery bears witness of the need, the persistence, and the stylistic flexibility of a style embodied by the Byzantine character: that is to say, of its eagerness to understand, and therefore to believe and hope. Just as many monuments have been destroyed by humans, likewise a small or large portion of what is presented in this book will also disappear: may these pages reassert the presence of a culture which, one hopes, will always find new and sincere lovers

The volume will be published for the celebrations of the Pontificio Istituto Orientale’s (PIO’s) centenary: it was an honour that P. Guillaume de Jerphanion gave the opening lesson of the course on Byzantine frescoes. Our most sincere gratitude also to the two Rectors of the PIO, PP. James McCann and David Nazar, who supported and funded our work. For the patient work on the English text, we thank Vicky Franzinetti, Dr. Sr. Rachel Lynne Panagia Miola and Dr Christina Maranci. Although the text and the aim is one, each author is responsible for his section of the text. In addition, it must be granted that the quality of the photos is not always excellent, due to the rather inaccessible position of the fresco on the wall. Needless to say, we opted to present a sample rather than the total of the fragments of frescoes on site. When no other source is indicated, photos are from the PIO.

• Paper book on Lilamé

E-BOOK Kindle on Amazon

 

 

********************

LA RIFORMA LITURGICA A 50 ANNI DAL VATICANO II
«Parlare di “riforma della riforma” è un errore»
Cesare Giraudo S.I.

1. Di riforme liturgiche ce ne sono sempre state
2. Il sogno di Pio V: riportare il messale “ad pristinam sanctorum Patrum normam”
3. Il messale di Paolo VI: il coronamento di un sogno
4. La riforma liturgica: tra luci e ombre
5. La riforma liturgica: opinioni a confronto


SOMMARIO – Rinunciando ad assumere il messale di Pio V come punto di partenza, è possibile vedere nel messale di Paolo VI la realizzazione del sogno di Pio V, quello cioè di riportare il messale ad pristinam sanctorum Patrum normam. È dalla tradizione dei Padri che occorre procedere per una corretta ermeneutica della continuità. «Parlare di “riforma della riforma” è un errore», ha detto di recente papa Francesco. Considerando dunque impossibile aderire all’appello a riorientare gli altari verso l’abside, come qualcuno ha suggerito, nell’articolo vengono sottolineate due urgenze: il recupero della dimensione sacrale della liturgia e l’impegno per la formazione liturgica. La riforma liturgica è da curare meglio, ma non certo da sopprimere.

 

********************

ORDO ANNI ACADEMICI (2016-2017) — Centenario del PIO

Lettera Augurale di Papa Francesco per il CENTENARIO del PIO

********************

AL BALLO, AL BALLO!

Non sa delle stagioni
l’albero giovane:
offre i suoi rami ai baci della brezza,
beve sorsi di luce,
gonfia di linfa le nascoste vene.

«Al ballo, al ballo!».
Non c’è tempo per l’abito di gala.
Lo investe il vento
e la sua chioma in vortice trascina.

E ridono le foglie,
minuscole baccanti scatenate;
ridono e non sanno
che sia una coppa colma.
Poi muta il vento,
a un tratto le abbandona
al loro sonno.

«Al ballo, al ballo!».
Altre foglie,
altre danze,
altro sonno.

Michelina Giraudo, ACCORDERÒ LA CETRA PER CANTARE... Oltre le umane brume, Lilamé 2015, p. 66

Analisi letteraria delle Poesie di Michelina Giraudo. Per scaricare il PDF GRATUITO clicca qui

********************

LA VEGLIA

Un tempo,
quando l’autunno scivolava rapido
verso il rigido inverno
e la campagna si copriva di neve
per dormire,
e le sere si facevano assai lunghe,

allora, al caldo fiato delle bestie,
iniziavan le veglie i contadini.
Mi piaceva la nonna con il fuso
che girava veloce, quasi a volo,
e mi piaceva il nonno che sedeva
sulla paglia odorosa a riposare.

Ma soprattutto amavo quelle fiabe
che ogni sera qualcuno raccontava:
«Un tempo
in un vecchio castagno c’era un uscio;
chi ci entrava trovava una scaletta
e giù, fino a un magnifico castello...».

«Un tempo
qui da noi comandavano le masche,
un po’ fate e un po’ streghe — si diceva —.
Usavano carrozze con le ali,
mangiavano ciliegie in pieno inverno».
Le ciliegie... Ah sì, che buon sapore!

Intanto si chiudevano i miei occhi,
la mamma mi portava a casa in braccio
e nel sogno volavo con le masche
verso prati fioriti in pieno inverno.
Scendevo la scaletta nel castagno
e, arrivata al castello, mi svegliavo.

Un tempo
si faticava e si penava tanto,
ma rimaneva un posto per le fiabe.

Michelina Giraudo, “SOTTO UNA TENDA RICAMATA A STELLE. Fiabe in versi”, Illustrazioni di Sally Cavalleri (a cura di Rita e Maria Luisa Giraudo), Edizioni Lilamé™ 2015, p. 7

 

 

********************

La missione del PONTIFICIO ISTITUTO ORIENTALE:
far conoscere la LUCE CHE PROMANA DALLE CHIESE D'ORIENTE

1. Il PIO a servizio dell'Oriente cristiano – In difesa di una missione (it)
2. The Pontifical Oriental Institute at the service of the Christian East – A Reply (en)
3. L'Institut Oriental au service de l'Orient chrétien – Plaidoyer pour une mission (fr)
4. Pontifício Instituto Oriental a serviço do Oriente Cristão – Uma resposta (pt/br)
5. Au service de l'Orient chrétien: PIO, Institut Pontifical Oriental (arabe)
6. El Pontificio Instituto Oriental al servicio del Oriente cristiano (es)
7. ПАПСЬКИЙ СХІДНИЙ ІНСТИТУТ НА СЛУЖІННІ ХРИСТИЯНСЬКОГО СХОДУ (ukr)
8. Pápežský Orientálny Inštitút v službe kresťanského východu (sk)
9. ПАПСКИЙ ВОСТОЧНЫЙ ИНСТИТУТ НА СЛУЖЕНИИ ХРИСТИАНСКОГО ВОСТОКА (rus)
10. Papieski Instytut Wschodni w służbie chrześcijańskiego Wschodu (pl)
11. Τό Παπικό Ινστιτούτο Ανατολικών Σπουδών στην διακονία της Χριστιανικής Ανατολής (el)
12. A Pápai Keleti Intézet a keresztény Kelet szolgálatában (hu)
Prolusione del Cardinale Leonardo SANDRI per l'inaugurazione dell'AA 2015-16 al PIO

********************

C. Giraudo (ed.), THE ANAPHORAL GENESIS OF THE INSTITUTION NARRATIVE IN LIGHT OF THE ANAPHORA OF ADDAI AND MARI, Acts of the International Liturgy Congress, Rome 25-26 October 2011. (O.C.A. 295) (English Edition)

On 17 January 2001 the Congregation for the Doctrine of the Faith recognized the validity of the Eucharist celebrated with the Anaphora of Addai and Mari, which the Assyrian Church of the East had used “ab immemorabili” without an Institution Narrative. On 26 October 2001 “L’Osservatore Romano” made public this decision approved in advance by His Holiness John Paul II in a document entitled Guidelines for Admission to the Eucharist between the Chaldean Church and Assyrian Church of the East. To celebrate this first significant decade, the Pontifical Oriental Institute, in collaboration with the Pontifical Gregorian University, organized an International Congress on 25 and 26 October 2011. The first day was devoted to a reflection through historical and canonical lectures on the Assyrian Church of the East, the Chaldean Church and the Syro-Malabar Church. The commemorative day, 26 October, was entirely devoted to lectures bringing to light the origins of the Institution Narrative of the anaphora, with specific reference to the Anaphora of Addai and Mari, and analogous instances, especially of the Syriac, Maronite and Ethiopian anaphoric traditions. With the Proceedings of the Congress presented in this book the Pontifical Oriental Institute intends to promote wide-ranging and reasoned studies on the genesis and function of the Institution Narrative in that prayer with which the Church has always celebrated the Eucharist.

Vai alla scheda del LIBRO su AMAZON

********************

Cesare Giraudo sj "In unum corpus”. Traité mystagogique sur l’Eucharistie", Les Éditions du Cerf, Paris 2014, 544 pp.

Acquista il volume su Amazon™

• À la question «Qu’est-ce que l’Eucharistie?», tout chrétien d’aujourd’hui doit répondre comme répondaient les chrétiens de l’Église patristique: «Vois par quelles paroles elle est célébrée!».

• L’application rigoureuse aux textes eucharistiques des techniques interprétatives que l’exégèse moderne a mis au point pour les textes de l’Écriture fera ressortir toutes les ressources doctrinales que renferme le magistère des prières eucharistiques tant d’Orient que d’Occident.

• Ce traité mystagogique – le premier dans son genre – se propose d’amener le lecteur à mieux saisir le message des aphorismes réciproques «L’Eucharistie fait l’Église» et «l’Église vit de l’Eucharistie».